“Soldera in the eighties: the rose of Montalcino”

Facebooktwittergoogle_plus

“Soldera in the eighties: the rose of Montalcino”

by Filippo Bartolotta

“There are only ten wines worth drinking”. In Italy? “No, of course not, in the world!”.

Gianfranco Soldera’s reputation precedes him wherever he goes and although he is aware of this, after about an hour you begin to get through to the person and not just the personage.

Soldera

The legendary Brunello producer is not only famous for his exquisite Case Basse Riserva, but also for his strong opinions.

To describe Soldera’s opinions as ‘strong’ would be an understatement, because they are generally as sharp as a razor and come at you without giving you time to dodge.

His great Brunello has a smoother approach, but this does not mean that it is any less honest and overwhelming: its bright and clear light ruby-red colour immediately reveals a style and origin that leaves you no doubts

Soldera’s Brunello is immediately distinguishable from other Brunellos that have adopted more modern styles characterised by darker and more concentrated colours and a timbre that plays on muscularity.

Case Basse Brunello, with its marked and refreshing acidity, is an elegant wine with an unmistakeable style; though Soldera is not one to make it a question of style: “This is the only way to make Brunello, the best expression of Sangiovese in the world that can only come about in Montalcino”.

For Soldera, Montalcino is a magical place to make wine. A shameless lover of Barolo – or rather of Nebbiolo made in a couple of vineyards in the Langhe area and only in a tiny handful of years – Soldera decided to make wine in Montalcino because of its generous climate and the good land: it is almost impossible to make bad wine in this land. “Out of thirty-five harvests I have made thirty-two great wines, the 1976, 1989 and the 1992 I gave to the hospices!”

And while Soldera admits his frankness to be a fault in his character, there is a twinkle in his acute eye as a sign that he likes it that way.

We often talk about terroir and areas where great wines are created, but too often however we forget about the decisive role of the person who makes the wine. Soldera and his Brunello are a single thing, an obvious form of symbiosis between man, a grape variety and a piece of land.

Case Basse

Each step, from the selection in the vineyard to four years in large Slavonian barrels to the further necessary years in the bottle, there is only one person who decides on the destiny of Sangiovese at Case Basse: Soldera. The only outsider who has a say in the matter during the tasting stage is the master taster Giulio Gambelli, with over 65 years of experience behind him.

“If I had found land in Piedmont I would never have met Giulio Gambelli, who has made me discover how sweeter, deeper, longer, more elegant and harmonious Sangiovese is with respect to Nebbiolo or any other variety.”

A few months after I had visited Soldera at Case Basse I asked Gambelli what he thought were a couple of great vintages of this important winery. He did not speak for a while and said “Gianfranco’s 1983 is one of the best Brunellos ever produced!” With a satisfied smile he added “I have tasted Gianfranco’s 2006 … an extraordinary wine.”

Soldera only produces Brunello and mainly because he likes to drink it himself.

Sitting at the table for over three hours, Soldera can not conceive how you can taste a wine without drinking it, at every course he lets you notice how this wine even perfectly matches boiled and raw artichokes with lemon juice, “I am prepared to compare my wine with any white or red in the world. I often do it, but rarely do I find one that can stay open for more than a week and accompany a whole meal in abundance without making you ill!”

The tannins of the Case Basse 2000 drunk at “Leccio” of S.Angelo in Colle are sapid, almost savoury. This, combined with great acidity, means it does not fear the tannins and the iron character of the artichokes. The best however comes when I order panna cotta. Soldera smiles, satisfied, and watches me calmly while I marry his wine to the dessert without making a strange face: the tannins are a little harsh and the wine dries the mouth slightly, but after another sip the palate resets itself and you are ready to go on.

There is no doubt that the drinkability is on the side of Case Basse. A wine with deep mineral scents and soft tannins, perfumed like face powder.

Soldera seems to achieve these results with extraordinary simplicity, “the wine goes from the land to the glass without too much interference. It is the grapes that tell you when they’re ready, whereas the wine tells you when it wants to be bottled. The malolactic starts when it wants to and the large Slavonian barrels are the containers that keep the wine alive without adding tannins, aromas or who knows what else”.

In the Case Basse cellar, 14 metres underground, everything breathes: fermentation and maceration in wood, the walls of stacked stones seem to emanate fresh and humid perfumes of soil and flowers. The whole cellar is surrounded by two hectares of garden where his wife cultivates 1000 kinds of antique roses. Soldera works so that everything is as natural as possible and while he walks with his head bowed in this little Eden, I realise that I am entering a different world where naturalness, straightforwardness and simplicity  seem to be the only game rules.

Soldera's Roses

His eight hectares of loose land of sand and marl are officially neither organic nor biodynamic, but the respect for nature is obviously very strong. In his vineyard and his cellar he moves with familiarity, but one feels that he is only there as if he were the guardian of a very special place where he creates the best conditions for Sangiovese to best interpret the territory it is native to.

We can find confirmation of this from the barrel tastings of his oldest wines.

The 2006 comes forward with aromas of sour cherries and orange rind, leading the way to graphite notes and a sapid, almost saline palate; the 2005 seems to be directed more towards a certain concentration of fruit and ample tannins with a pleasant peppery finish; the 2004, however, emerges with a more marked aromatic drive, a clean fruitiness of cherries and strawberries on a background of tannins with great structure and refined elegance; the 2003 distinguishes itself from the others for its more evident tannins (of course, it’s a seven-month baby! I had to harvest early and therefore there is a different maturity of tannins!) and for its more mature fruity notes with a certain spiciness; the 2002 comes forward with very soft tannins and a more marked spiciness, although at the moment it is the most difficult to drink.

me and Soldera

In the cellar there is always a question about yeasts: Mr Soldera, what do you think about selected yeasts? “What would you think if someone else went to bed with your wife?”

In reality, behind this reply there is hidden a very long and very important scientific project that Soldera has been following for years with Florence University and particularly with Professor Vincenzini, professor in microbiology: “We still haven’t carried out enough studies on wine, but with Gianfranco we have made huge progress. We know the strains of Case Basse yeast very well and we know that each year there is a strain that is represented 10 times out of 11, it is the GFS1 (editor’s note: Gianfranco Soldera). Thanks to this willingness to study what happens at Case Basse, we have discovered how long a wine stays alive, i.e. how long we can find living microorganisms that help to create a lot of the flavour in the wine and that change the original flavour by at least 25%.”

We are at the table once more with Gianfranco Soldera, two weeks after the first meeting. And while Prof. Vincenzini talks about the “life” of the wine, Soldera, impeccable in his light blue shirt, braces and white fishing hat, personally opens four 1980s vintages: 1981, 1983, 1984, 1985.

It is one of those moments in life when you realise that the light around you is a little different than usual, like when it suddenly starts snowing.

Tasting, or rather drinking, Soldera’s 1980s, uncorked by him with his daughter and a few friends, is an experience that cannot help but change the history of Sangiovese in Montalcino.

According to Soldera’s assessment scale – the most-drunk bottle – the best wine in the battery  was the 1981, closely followed by the 1983, then the 1984 and finally the 1985.

If we enter into more detail however, the sapid and mineral character of Case Basse emerges with its refined aromatic power, an unstoppable freshness and a soft and balanced tannin, the same common features in his recent wines.

It is difficult to contest the result of the most-drunk wine. The 1981 is clearly the most ready today, marked by evident notes of liquorice, coal tar and truffle and a soft, balanced palate which won over everybody within an hour of opening the bottle with its contrast between freshness and decadent opulence. The 1983 was perhaps the youngest of the group with aromas of pleasantly ripe blackberries and cherries, a tight-knit, silky and refined tannic structure. This was the most concentrated of the wines, immediately evident from the colour and right from the start it revealed itself in all its strength and elegance, with many years ahead of it yet.

But the real surprise for me at the table was the 1984. Like the 1981 it was a difficult year that has only established itself through time. The aromas are the mineral tones and fruits of the forest of the great Burgundy Pinot, which alternate with dried roses, mushrooms and undergrowth. A great softness of tannins but still a fresh structure and a reassuring and multi-sensory finish!

And finally the 1985, which is decidedly the most closed of all. It opened up a little in the final stages with interesting leather, black pepper and rhubarb notes. From the important palate with some more oxidative hints than the others which were then released in the glass to leave room to notes of tobacco leaves and coffee.

There is no doubt about the paternity of all four wines and likewise for the continuity of taste found from the 2006 to the 1981, with very similar organoleptic characteristics.

The freshness and sapidity are the unmistakeable style of Soldera’s Brunellos. This freshness and sapidity are like angels protecting a very subtle, deep character whose intense and ethereal aromas and whose softness will not delay in revealing themselves, gliding above you as light as rose petals.

Soldera: La rosa di Montalcino

Di Filippo Barolotta

“Ci sono solo dieci vini che meritano di essere bevuti”. In Italia? “No, certo che no, nel mondo!”.

La reputazione di Gianfranco Soldera lo precede dovunque vada e sebbene lui ne sia cosciente, dopo un’oretta di conversazione si entra a contatto con la persona e non il personaggio. L’ormai leggendario produttore di Brunello non è famoso solamente per il suo squisito Case Basse Riserva ma anche per le sue forti opinioni.

Ma descrivere forti le opinioni di Soldera sarebbe riduttivo perchè generalmente sono taglienti come un rasoio ed arrivano senza lasciarti il tempo di scanzarti.

Il suo grande Brunello ha un’approccio più morbido ma non per questo meno onesto e travolgente: il suo colore rosso rubino chiaro, brillante e trasparente denuncia immediatamente uno stile ed un’origine che non laciano dubbi.

Il Brunello di Soldera si distingue immediatamente fin dall’inizio da altri Brunello che hanno adottato degli stili più moderni caratterizzati da colori più scuri e concentrati e registri giocati sulla muscolarità.

Il Case Basse, con la sua spiccata e rinfrescante acidità, è un vino elegante dallo stile inconfondibile anche se Soldera non uno che ne fa una questione di stile: “questo è l’unico modo di fare Brunello, la migliore espressione di Sangiovese al mondo che può nascere solo a Montalcino”.

Per Soldera Montalcino è un posto magico per produrre vino. Amante spudorato del Barolo -o meglio del Nebbiolo fatto in un paio di vigne delle Langhe e solo in una minuta manciata di annate- Soldera ha deciso di fare vino a Montalcino per la generosità del clima e la bontà del terreno: fare il vino cattivo in questa terra è quasi impossibile. Di trentacinque vendemmie ho vinificato trentadue grandi vini, il ’76, l’89 ed il ’92 li ho dati agli ospizi!

E mentre Soldera confessa la sua franchezza come un difetto del suo carattere, una scintilla brilla nei suoi occhi acuti come un segnale che invece a lui piace essere così.

Spesso si parla di terroir e zone dove nascono grandi vini, ma troppo spesso invece ci si scorda del ruolo decisivo di chi lo fa il vino.

Soldera ed il suo Brunello sono una cosa sola, una evidente forma di simbiosi tra un uomo, un vitigno ed un pezzo di terra.

Passo dopo passo, dalle selezioni in vigna ai quattro anni nelle grandi botti di Slavonia fino agli ulteriori necessari anni di bottiglia c’è soltanto una persona che decide sulle sorti del Sangiovese a Case Basse: Soldera. L’unica persona esterna che ha voce in capitolo nella fase degli assaggi è il Sig. Gambelli.

Se avessi trovato terra in Piemonte non avrei conosciuto Giulio Gambelli che mi ha fatto scoprire quanto più dolce, profondo, più lungo, elegnate ed armonico sia il Sangiovese rispetto al Nebbiolo ed a qualunque altro vitigno.

Qualche mese dopo aver visitato Soldera a Case Basse ho chiesto a Gambelli quali fossero un paio di grandi annate di questa importante azienda. Rimane qualche secondo in silenzio e mi dice: l’83 di Gianfranco è uno dei migliori Brunelli che siano mai stati prodotti! Con un sorriso compiaciuto però aggiunge: “ho assaggiato il 2006 di Gianfranco…un vino straordinario.

Soldera produce solo Brunello ed in buona parte perchè gli piace berselo

Seduti da oltre tre ora a tavola, Soldera che non concepisce come si possa assaggiare il vino senza berlo, ad ogni portata ti lascia notare come questo si abbini con armonia perfino con i carciofi lessi e crudi con il limone: sono disposto a confrontare il mio vino con qualunque bianco o rosso del mondo. Lo faccio spesso, ma è molto raro che riesca a trovarne uno in grado di stare aperto oltre una settimana e di accompgnare un pasto completo in quantità senza che ti faccia stare male!

I tannini del Case Basse 2000 bevuto al “Leccio” di S.Amgelo sono sapidi, quasi salati. Questo combinato alla  grande acidità non gli fanno temere i tannini ed il carattere ferroso dei carciofi. Il bello però arriva quando ordino la panna cotta. Soldera sorride soddisfatto e mi guarda sereno mentre abbino il suo vino al dolce senza fare facce strane: i tannini si sono fatti un pò più duri ed il vino asciunga leggermente in bocca, ma dopo un altro sorso il palato si risetta e si è pronti ad andare avanti.

Non vi è dubbio che la bevibilità è dalla parte di Case Basse. Un vino dai profondi sentori minerali con tannini dolci e profumati come la cipria.

Soldera sembra raggiungere questi risultati con straordinaria sempicità: il vino va dalla terra al bicchiere senza troppe interferenze. È l’uva che ti dice quando è pronta, mentre il vino ti dice quando vuole essere imbottigliato. La malolattica parte quando vuole e le grandi botti di Slavonia sono dei contenitori che lasciano il vino in vita senza aggiungere tannini, aromi o chissà cosa altro.

Nella cantina di Case Basse tutto respira: fermentazioni e macerazioni fatte nel legno, i muri fatti con sassi accatastati sembrano emanare profumi freschi ed umidi di terra e fiori. Tutta la cantina è circondata da due ettari di giardino dove sua moglie coltiva 1000 tipi di rose antiche. Soldera lavora perchè tutto sia il più naturale possibile e mentre passeggia a capo chino in questo piccolo Eden mi accorgo di entrare in un mondo diverso in cui naturalità, schiettezza e semplicità sembrano essere le uniche regole del gioco.

I suoi otto ettari di terra sciolta di sabbie e galestri non sono ufficialmente ne biologici ne biodinamici, ma il rispetto nei confronti della Natura è evidentemente molto forte. Nella sua vigna e nella sua cantina si muove con dimestichezza, ma si ha la sensazione che lui sia lì solo come se fosse il custode di un luogo molto speciale in cui egli crea le condizioni migliori affinchè il Sangiovese possa interpetrare al meglio il territorio in cui nasce.

Dagli assaggi da botte si posono ritrovare alcune conferme con i suoi vini più vecchi.

Il 2006 si fa avanti con profumi di amarene e scorza di arancio per lasciare strada a sentori di grafite ed un palato sapido quasi salino; il 2005 sembra essere più orientato verso una certa concentrazione di frutto e dei tannini molto larghi con un gradevole finale di pepe; il 2004 invece emerge adesso come quello con più articolata spinta aromatica, un fruttato pulito di ciliege e fragole che si posano su tannini di grande struttura e raffinata eleganza; il 2003 si stacca dagli altri per dei tannini più in evidenza (per forza, è un settimino! Ho dovuto raccogliere prima e quindi c’è una diversa maturità dei tannini!) e dei sentori di frutta più maturi ed una certa speziatura; il 2002 si fa avanti con un tannino molto dolce ed una speziatura più marcata, sebbene al momento sia il più difficile da bere.

Tra le domande in cantina, scatta sempre qualcosa relativa ai lieviti: Signor Soldera, cosa ne pensa dei lieviti selezionati? Lei che ne pensa se qualcun altro andasse a letto con sua moglie?

In realtà dietro questa risposta brasante si cela un lavoro scientifico molto lungo e molto importante che Soldera segue da molti anni con l’Univeristà di Firenze ed in particolare con il Prof. Vincenzini, ordinario di Microbiologia. Ancora non si è studiato abbastanza il vino, ma con Gianfranco abbiamo fatto dei grossi progressi. Conosciamo molto bene i ceppi di lieviti di Case Basse e sappiamo in particolare che ogni anno c’è un ceppo che si ripresenta 10 volte su 11, si tratta del GFS1 (ndr: Gianfranco Soldera).

Grazie alla volontà di studiare ciò che succede a Case Basse abbiamo scoperto quanto a lungo un vino rimane in vita, cioè fino a quando si possono trovare microorganismi viventi che quindi contribuiscono a creare una buona parte di sapori nel vino e a  cambiare modificarealmeno per il 25% gli stessi rapporti originari.

Siamo di nuovo a tavola con Gianfranco Soldera, a due settimane dal primo incontro. E mentre il Prof. Vincenzini parla della “vita” del vino, Soldera, impeccabile con la sua camicia azzurra e bretelle e cappellino bianco da pescatore, stappa personlamente quattro anni ottanta: 1981, 1983, 1984, 1985.

È uno di quei momenti nella vita in cui ti accorgi che il colore della luce che ti circonda è un pò diverso dal solito come quando comincia a nevicare all’improvviso.

Degustare, anzi bere, gli anni ottanta di Soldera stappati da lui con la figlia e qualche amico è una esperienza che non può non cambiare la lettura del Sangiovese a Montalcino.

Secondo la scala di valutazione Soldera –la bottiglia di cui si beve di più- il miglior vino della batteria è stato il 1981, seguito a stretto giro dall’83, poi l’84 ed infine l’85.

Se si entra più nel dettaglio comunque emerge il carattere sapido e minerale di Case Basse con la sua reffinata potenza aromatica, una freschezza inarrestabile ed un tannino dolce e bilanciato, stessi tratti comuni nei suoi vini recenti.

È difficile contestare il risultato del vino più bevuto. L’81 è chiaramente oggi quello più pronto marcato da evidenti noti di liquerizia, goudron e tartufo ed un palato dolce ed equilibrato che ha conquistato tutti dopo un’oretta dall’apertura della bottiglia con il suo contrasto tra freschezza e decandente opulenza. L’83 era forse il più giovane di tutta la batteria con profumi di more e ciliege gradevolmente maturi, una trama tannica fitta, setosa e raffinata. Questo era il vino più concentrato di tutti, lo si vedeva anche al colore e fin da subito si è manifestato in tutta la sua potenza ed eleganza con ancora molti anni davanti a sé.

Ma per me a tavola è stato l’84 la vera sorpresa. Come l’81 un’annata difficile che solo con gli anni è riuscita ad affermarsi. I profumi sono quelli dei toni minerali e dei frutti di bosco dei grande Pinot di Borgogna che si alternano a rose secche, fungi e sottobosco.

Una grande dolcezza nel tannino ancora di fresca struttura ed un finale rassicurante e multisensoriale!

Ed infine l’85 era decisamente il più chiuso di tutti che si è concesso un pò di più nella sua fase finale con interressanti note di cuoio, pepe nero e rabarbaro. Dal palato importante con alcuni sentori più ossidativi degli altri che si sono poi liberati nel bicchiere per lasciare spazio a note di foglia di tabacco e caffè.

Sulla paternità dei quattro non ci sono comunque dubbi ed altrettanto dicasi della continuità gustativa trovata dal 2006 fino al 1981 con caratteristiche organolettiche molto vicine tra loro.

La freschezza e la sapidità sono lo stiletto inconfondibile di Soldera e dei suoi Brunelli. Degli arcangeli a protezione di un carattere molto sottile e profondo i cui profumi intensi ed eterei e la cui dolcezza non tarderanno a rivelarsi planando sui di voi leggeri come petali di rosa.

Articolo pubblicato già su Chianti e Le Terre del Vino

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail